La Messa “beat” e l’inganno dell’eterna gioventù - Aurelio Porfiri

Aller en bas

La Messa “beat” e l’inganno dell’eterna gioventù - Aurelio Porfiri Empty La Messa “beat” e l’inganno dell’eterna gioventù - Aurelio Porfiri

Message  Javier Sam 11 Avr 2020, 9:18 am

La Messa “beat” e l’inganno dell’eterna gioventù

Aurelio Porfiri


Uno dei temi forti del post-concilio, per ciò che riguarda la liturgia, è senz’altro la cosiddetta “Messa dei giovani”, cioè una Messa tagliata sulle esigenze specifiche di persone considerate in età giovanile. Significa proporre anche una musica che corrisponda a quella che i “giovani” comunemente ascoltano, cioè la musica commerciale. Fenomeno interessante e importante, soprattutto se si va ad analizzare il tutto in una prospettiva storica. È quanto cercherò di fare, cominciando dall’analizzare la categoria di “giovane”.


Prima dei nostri tempi la gioventù è sempre stata considerata un’età intermedia fra adolescenza e maturità, una fase di preparazione in vista della maturità, non un assoluto a sé stante. Di conseguenza la musica liturgica non dovrebbe piegarsi alle “esigenze giovanili”, ma introdurre i giovani alla grandezza e alla bellezza della liturgia.


La Chiesa faceva bene, un tempo, a coltivare il canto dei bambini, i pueri cantores, dalle cui schiere uscivano sacerdoti, grandi uomini di fede, papi, santi. Attraverso la musica li formava  e li faceva crescere.


Romano Amerio nel suo fondamentale libro Iota Unum osservava: “Tutti i motivi di questo giovanilismo del mondo contemporaneo, partecipato dalla Chiesa, si uniscono nel discorso dell’aprile 1971 a un gruppo di hippies concorsi a Roma a manifestare per la pace. Il Papa rileva con lode ‘i valori segreti’ che i giovani vanno cercando e li enumera. E primo la spontaneità, che al Papa non sembra in contraddizione con la ricerca, benché una spontaneità ricercata cessi di essere spontaneità. Non gli sembra molto in contraddizione nemmeno con la moralità, benché questa, essendo intenzionalità consaputa, si sovrapponga alla spontaneità e possa contraddirle. Il secondo valore della gioventù è ‘la liberazione da certi vincoli formali e convenzionali’. Il Papa non precisa quali siano. D’altronde le forme sono l’apparire delle sostanze, sono la sostanza medesima nel suo apparire, cioè nel suo entrare nel mondo. E le convenzionalità sono le convenienze, cioè i consensi, e sono buone se sono consensi in cose buone. Il terzo è ‘la necessità di essere sé stessi’. Ma non si chiarisce qual è l’Io che il giovane deve attuare e in cui riconoscersi: ve n’è infatti una pluralità in una natura libera, trasmutabile in tutte guise. L’Io vero esige non che il giovane si realizzi comunque, ma che egli si trasformi e diventi persino un altro da sé. D’altronde la parola del Vangelo non ammette chiosa: abnegat semetipsum (Luc., 9, 23). Il Papa medesimo aveva il giorno prima esortato alla metanoia. Dunque: realizzarsi o trasformarsi? Il quarto è lo slancio ‘a vivere e interpretare il proprio tempo’. Il Papa tuttavia non porge ai giovani la chiave interpretativa del proprio tempo e non rileva che, per la religione, nell’effimero del proprio tempo l’uomo ha da ricercare il non effimero, cioè il fine ultimo che permane attraverso tutto l’effimero. Così, avendo svolto il discorso senza alcuna esplicitazione religiosa, Paolo VI conclude un po’ inopinatamente: ‘Noi pensiamo che in questa vostra interiore ricerca voi avvertiate il bisogno di Dio’. Certo il Papa parla qui opinativamente e non magistralmente“.


Questa severa critica dell’atteggiamento verso la gioventù da parte della Chiesa postconciliare deve farci ben riflettere. Io stesso ho visto, nelle parrocchie romane che ho frequentato nella mia gioventù, come si delegasse “l’animazione musicale” al gruppo dei giovani, ma senza mai curarsi che i giovani ricevessero un minino di formazione per svolgere quel servizio. Del resto i sacerdoti non avrebbero saputo da dove cominciare, vista la scarsa o inesistente formazione musicale nei seminari. Non si vedeva il giovane come potenziale adulto, ma come appartenente a una categoria a sé stante. Parliamoci chiaro: io per primo vorrei tornare a essere giovane, il tempo della speranza e della spensieratezza, ma non posso dimenticare gli eccessi dovuti alla mancanza dì maturità. Un giovane si prepara alla maturità, non vive in una insensata eterna giovinezza.


Continua...

La Messa “beat” e l’inganno dell’eterna gioventù - Aurelio Porfiri R-2139709-1266159815.jpegLa Messa “beat” e l’inganno dell’eterna gioventù - Aurelio Porfiri ImageLa Messa “beat” e l’inganno dell’eterna gioventù - Aurelio Porfiri Messa-beat-a-cafaggio-1969-4-1024x750
Javier
Javier

Nombre de messages : 4100
Localisation : Ilici Augusta (Hispania)
Date d'inscription : 26/02/2009

Revenir en haut Aller en bas

Revenir en haut


 
Permission de ce forum:
Vous ne pouvez pas répondre aux sujets dans ce forum